Ancora problemi con i nostri siti nucleari Interferenze UFO o no?
Ken Pfeifer MUFON New Jersey - World UFO Photos
Traduzione di Alessandro Lattanzio
Obama è stato informato questa mattina di un blackout alla FE Warren Air Force Base, nel Wyoming, che ha coinvolto 50 missili intercontinentali balistici nucleari (ICBM), un nono dell'arsenale missilistico USA temporaneamente messo fuori uso. La base è un punto chiave delle forze nucleari strategiche degli Stati Uniti. Il 4° squadrone vi ha la sua sede, controllando 150 missili balistici nucleari Minuteman III. Essi sono in allerta e sono ospitati in una serie di silos in diversi Stati.
Sabato mattina, secondo persone informate su ciò che è successo, uno squadrone di ICBM è improvvisamente caduti in quello che viene chiamato stato di 'Down LF', il che significa che coloro che gestiscono i missili nei loro silos non potevano comunicare con il loro missili. Significa anche che i vari protocolli di sicurezza integrati del sistema missilistico, come ad esempio allarmi d'intrusione e allarmi separazione di testate, sono stati disconnessi. Nello status "LF Down" i missili sono ancora tecnicamente in grado di essere lanciati, ma non possono essere controllati da un comando o piattaforma di controllo aereo, come il Boeing E-6 NAOC "Rotule", i velivoli E-4B NAOC e forse la flotta TACAMO, che viene utilizzato prevalentemente per comunicare con i sottomarini nucleari. Se il paese fosse stato posto in stato di allerta, queste piattaforme avrebbero operato automaticamente, grazie alle frequenze usate per trasmettere i codici nucleari per connetterti con sistemi i separati, hanno detto i funzionari.
I funzionari hanno detto che gli ingegneri ritengono che un computer centrale che controlla il lancio (CCA), responsabile di un pacchetto di almeno cinque missili, ma di solito dieci, ha cominciato a emettere un suono metallico fuori sequenza, con il conseguente aumento del "rumore" nel sistema. Il computer centrale che controlla il lancio (LCC) interroga ogni missile in sequenza, quindi, se incomincia a inviare segnali quando non dovrebbe, i recettori sui missili stessi li noterebbero e invierebbero l'avviso dei codici di errore. Dato che il LCC ha occasionalmente emesso dati fuori sequenza, i tecnici che gestiscono i missili hanno cercato velocemente di risolvere i problemi. Ma come sempre più missili hanno iniziato a visualizzare messaggi di errore, hanno deciso di sconnettere tutte e cinque gli LCC che erano collegati al centro malfunzionante. Lasciando i 50 missili al buio. I tecnici poi hanno riavviato uno dei LCC che ha cominciato normalmente a interrogare i ricetrasmettitori dei missili. Tutti gli altri tre LCC sono stati riavviati con successo. LCC sospetto rimase scollegato. I comandanti della Base aeree hanno inviato le note di avvertimento ai colleghi degli altri due centri di controllo dei missili nucleari del paese, e al National Military Command Center di Washington. Al momento, non sapevano cosa avesse causato l'interruzione e non sapevano se gli altri sistemi missilistici avessero sintomi simili.
Secondo i funzionari, i tecnici hanno scoperto che blackout simili avevano causato una serie di guasti ai computer simile a quello di 12 anni fa presso la Minot AFB, in North Dakota, e la Malmstrom AFB, nel Montana. Questa sala computer è la prima sospettata. Il funzionario della difesa ha detto che non vi era stata alcuna interruzione di corrente, anche se il funzionario aveva ammesso che questa spiegazione è passata attraverso gli affari pubblici. “Gli ingegneri che lavorarono sul sistema hanno presentato il risultato delle loro iniziali conclusioni, questo pomeriggio", aveva detto. Un funzionario dell'amministrazione, parlando della capacità del presidente di controllare le forze nucleari, ha dichiarato: "In nessun momento, la capacità del presidente è venuta meno." Tuttavia, il capo degli stati maggiori riuniti, l'ammiraglio Michael Mullen, era stato immediatamente informato, e lui, a sua volta, aveva informato il Segretario della Difesa Robert Gates. "Non è mai successo qualcosa di così importante", ha detto un ufficiale che è stato informato dell'incidente. A volte abbiamo una o due che possono bloccarsi, e molte testare vengono regolarmente messe fuori servizio per manutenzione. All'estremo possiamo averne 5, 6 o 7 fuori uso nello stesso tempo, ma non abbiamo mai perso il controllo totale e la funzionalità di 50 missili balistici intercontinentali. L'esercito ha detto che il comando e controllo - "C2" nel loro gergo - non è stato perso.
Una portavoce dell'Air Force, Christy Nolta, detto che l'interruzione è durata meno di un'ora. "C'è stata una interruzione temporanea e i missili sono sempre stati protetti da dispositivi di sicurezza e di comando e di controllo multipli, ridondanti e sicuri. In nessun momento c'è stato un pericolo per il pubblico", ha detto. Un altro ufficiale militare, ha detto che il blackout ha attivato un protocollo di controllo di emergenza, e le sentinelle sono state inviate a verificare di persona che tutti i missili fossero al sicuro e ben protetti. Quando si è in stato in allerta, i missili controllati dall'US Strategic Command, che controlla tutte le forze nucleari. Ma quando non sono in allerta, i missili sono sotto il controllo di un organo sussidiario, il Global Strike Command. Un portavoce della Casa Bianca a rinviato le domande sull'accaduto all'Ufficio del Segretario della Difesa e dell'Aeronautica Militare. Un portavoce del Global Strike Command non ha risposto alle domande. La causa del guasto rimane sconosciuta, anche se si è sospettato che i cavi interrati in profondità sotto la base, siano stati violati, secondo un alto ufficiale. E' quasi impossibile, per questi sistemi, essere piratati, quindi l'esercito non crede che l'incidente sia stato causato da soggetti malintenzionati. Una mezza dozzina di singoli silos sono state colpite dal blackout di Sabato.
Ci sono circa 450 missili balistici intercontinentali nell'arsenale nucleare degli Stati Uniti, alcuni dei quali trasportano testate multiple. 150 sono basati a Minot e circa 150 lo sono nella Malmstrom Air Force Base, nel Montana. Lo spettro della deterrenza nucleare è un trucco intellettuale, una sorta di teoria dei giochi che risale alla Guerra Fredda, che si basa su questi missili capaci di colpire una località specifica in tutto il mondo. Se uno squadrone decade, significa che gli altri missili prendono il sopravvento. Il nuovo trattato START permetterà di ridurre il numero di missili del 30 per cento, ma i tagli sono basati sulla sicurezza dell'arsenale nucleare corrente, dalle testate ai sistemi di comando e controllo. Un funzionario dell'amministrazione ha detto di "non fare troppo sensazionalismo. Non è un grosso problema. Tutto ha funzionato come previsto."
I Repubblicani del Senato hanno messo sotto pressione i Democratici per spendere più soldi per garantire l'arsenale nucleare strategico, che risale al primi anni '80. Il trattato richiede i due terzi del Senato per la ratifica. Nel 2008, Gates ha licenziato il segretario dell'Air Force e il suo capo di stato maggiore, dopo una serie di incidenti che avevano suggerito a Gates che il dipartimento non ha preso abbastanza sul serio i suoi doveri nucleari. A un certo punto, un bombardiere B-52 ha sorvolato gli Stati Uniti continentali, senza rendersi conto che le armi nucleari erano "calde". Megan Scully del "National Journal" ha contattato un portavoce del senatore Jon Kyl, un critico dello START, che ha detto che "Non so cosa sia successo e perché." Il portavoce ha rifiutato di commentare "i report dei media".
Commento di Ken: Mio figlio è stato di stanza alla FE Warren AFB per 6 anni, nella polizia di sicurezza. Il suo compito era quello di andare sui siti dei missili e di studiare i problemi con i siti e le violazioni nelle aree proibite. La Warren AFB è a Cheyenne, nel Wyoming.
Articoli