Vi fu un incontro ravvicinato del terzo tipo
su una spiaggia giapponese nel 1803?
Kazuo Tanaka Think About It 29 Settembre 2006
Traduzione di Alessandro Lattanzio
Kazuo Tanaka lavora al Dipartimento di Elettronica e di Ingegneria Informatica, Università di Gifu, Yanagido 1-1, Giappone 501-1193.
Copyright 2000 Comitato per l'Indagine Scientifica sulle Affermazioni sul Paranormale
Copyright 2000 Gale Group

L’intrigante storia ufologia, scritta nei libri giapponesi Toen Shousetsu e Ume no Chiri, che furono pubblicati nel 1825 e 1844, rispettivamente, sono apparentemente finzioni sulla base giapponese folklore. Illustrazioni di barche come UFO, in questi libri, sono il risultato di una combinazione di folklore e immaginazione.
Due libri giapponesi, presumibilmente, descrivono un episodio interessante accaduto nel 1803, simile a un "incontro ravvicinato del terzo tipo" (come stabilito dal ricercatore UFO J. Allen Hynek e reso popolare dal film del 1977 con lo stesso nome) dell'era dei moderni UFO (Mori 1987; Natsis e Potter 1995). In realtà, le illustrazioni in questi testi (vedi figure 2 e 3) sono molto simili a raffigurazioni di UFO moderni (Shibusawa 1991; Mitsuse 1976; Takahashi 1996; Furukawa 1996; Matsuura 1998).
Un libro è Toen Shousetsu, pubblicato nel 1825 (Nihon Zuihitsu Taisei Henshu-bu 1994). Questo libro è stato scritto da molti autori, tra cui Bakin Takizawa, che fu uno scrittore molto famoso in Giappone, durante il periodo Tokugawa. Una copia originale di questo libro esiste alla Tenri University Library, nella città di Tenri, Prefettura di Nara. L'altro libro è Ume no Chiri, pubblicato nel 1844 (Nihon Zuihitsu Taisei Henshu-bu 1994) e scritto da Nagahashi Matajirou, di cui si conoscono pochi dettagli. Una copia originale di questo libro esiste alla Mukyuu-Kai Library, cità di Machida, Prefettura di Tokyo.
Questi libri raccolgono i documenti di eventi interessanti che, presumibilmente, si sono verificati durante il periodo Tokugawa. Le storie nei libri, sono considerati essere basati su vecchie gazzette chiamate Kawara-ban. La loro credibilità non è elevato. Poiché è possibile confermare che questi libri sono molto vecchi, e realmente esistenti nelle biblioteche di cui sopra, non vi è dubbio che le storie dei libri sono stati scritti prima del 1844, molto tempo prima dell'era dei moderni UFO.

Toen Shousetsu e Ume no Chiri
È evidente che le storie dei due diversi libri descrivono lo stesso incidente, in quanto le date sono simili e l'incidente si è verificato nello stesso anno e nello stesso stato, in Giappone. Ho tradotto le storie in inglese nel modo più accurato possibile, per le mie capacità. Le date sono nel calendario lunare.

Toen Shousetsu
Titolo del libro: Utsuro-fune non Banjyo (Una straniera su una barca cava)
Figura 2

La storia si svolge il 22 febbraio del 1803. Al largo di una spiaggia sabbiosa, chiamata Hara-yadori, nel territorio di Ogasawara Etchuu-no-kami (4000 koku), che occupava una posizione denominata "Yoriai-seki" dello shogunato Tokagawa, a quel tempo, una sorta di barca è stata osservata dalla spiaggia. La gente si avvicinò a questa barca, utilizzando le loro piccole barche e, infine, la presero. La rimorchiarono alla spiaggia.
La barca era rotonda e sembrava una sorta di Kou-hako (una scatola usata per bruciare incenso). Il suo diametro era più di 3 ken (5,45 m). Sulla parte superiore della barca, vi erano finestre tipo shoji (finestre con reticolo) e erano schermati da chan (una sorta di stucco impermeabile a base di resina di pino). Il fondo di questa nave era rafforzata da piastre di ferro separate. Questa struttura potba proteggere la nave dalla distruzione contro gli scogli. Poiché la finestra shoji era trasparente, la gente poteva vedere all'interno della barca, dove trovarono una donna con caratteristiche strane. Il suo aspetto è illustrato nella figura 2. I capelli e le sopracciglia erano rossi, e il suo viso era rosa. Sembrava che dei lunghi capelli bianchi fossero stati aggiunti ai capelli originali.
La seguente nota è stata inserita dall'autore di Toen Shousetsu:
In un libro chiamato Rosia Bunken Roku (un libro di viaggio in Russia), troviamo la seguente frase: "Il vestito della donna slava è di forma cilindrica e a raggi, diventa via via più piccolo sopra la vita. Il colore della sua acconciatura veniva cambiata in bianco, con polvere bianca". A giudicare da questa frase, questi capelli bianchi della donna straniera, potevano essere colorati con la polvere, e lei poteva essere una donna che viveva in una dipendenza russa. Maggiori dettagli sono necessari per lo studio.
I suoi lunghi capelli potevano essere fatti con una pelliccia o trecce. Questo tipo di acconciatura non è stata trovato in nessuna letteratura. Inoltre, dal momento che la sua lingua non potò essere compresa, nessuno potè chiederle da dove venisse. Questa donna straniera teneva, nelle sue mani, una scatola quadrata la cui dimensione era di circa due shaku (60 cm). Sembrò che questa scatole fosse molto importante per lei, perché lei teneva questa scatola sempre, e vietò a chiunque di avvicinarvisi.
Gli oggetti trovati in questa barca furono esaminati dalle persone. Vi erano circa due shou (3,6 litri) di acqua in una piccola bottiglia. (In un altro libro, la parola "due tou [36 litri]" venne usata al posto di "due Shou" e quella di "piccola barca" vene usata al posto di "piccola bottiglia.") C'erano due pezzi di tappeto, una specie di torta e carne lavorata. Mentre la gente discusse di cosa farsene di questa imbarcazione, la donna li osservavò pacificamente.
Un vecchio abitante disse: "Questa donna può essere figlia di un re di un paese straniero, e potrebbe essere stata sposata nel suo paese d'origine. Tuttavia, lei amava un altro uomo dopo il matrimonio, e il suo amante è stato messo a morte. Essendo una principessa da sempre, potrebbe aver otteniuto simpatia ed evitato la pena di morte. E’ stata costretta ad essere messa in questa barca ed abbandonata in mare, affidata al destino. Se questa ipotesi è corretta, la testa mozzata del suo amante si trova all'interno della scatola quadrata. In passato, una barca analoga, con una donna all'interno, scese a terra in una spiaggia non lontano da qui. In questo episodio, una testa mozzata, messo su una sorta di tagliere, vi fu trovata all'interno della barca. A giudicare da questo tipo di informazioni di seconda mano, il contenuto della scatola potrebbe essere simile. Questo potrebbe spiegare perché la scatola è così importante per lei, e lei la tiene sempre in mano. Dovremmo richiedere molti soldi per indagare su questa donna e sulla barca. Poiché vi è un precedente, nell’aver rimesso questo tipo di barca in mare, faremmo meglio a metterla dentro la barca e a mandarla via. Da un punto di vista umanitario, questo trattamento è troppo crudele per lei. Tuttavia, questo trattamento dovrebbe essere il suo destino."
Molti caratteri stranieri (vedi figura 1) furono trovati all'interno di questa barca. Ho trovato dei caratteri simili su una nave inglese, che recentemente giunse al largo di Uraga, in Giappone. Da questa osservazione, la donna può essere una principessa britannica, bengali o americana. Nessuno lo sa esattamente. La donna e la barca furono illustrate da persone interessate a questo incidente in quel momento e sono mostrate nella figura 2. Sono un po' deluso, perché le illustrazioni e le frasi non sono coerenti. Se qualcuno sa qualcosa riguardo a questo incidente, fatemelo sapere.

Ume no Chiri
Titolo del libro: Utsuro-fune no Koto (Riguardo l’incidente della barca cava)
Il 24 marzo 1803, una strana barca alla deriva si incagliò su una spiaggia denominata Haratono-Hama, nello stato di Hitachi in Giappone. La barca era vuota e la sua forma era simile a una pentola di cottura del riso. Aveva una specie di bordo cerchiato nella parte centrale della barca. Nella parte superiore, l'imbarcazione era dipinta di nero e aveva quattro piccole finestre sui quattro lati. Tutte shoji (finestre con reticolo) che erano schermate da chan (una sorta di stucco impermeabile a base di resina di pino). La parte inferiore della barca era rafforzata da barre di acciaio. Queste barre sembravano fatte da ferro occidentale di altissima qualità. L'altezza della barca era uno jyou, due shaku (3,64m) e il suo diametro era uno jyou, otto shaku (5,45 m).
Una donna (o ragazza) venne trovata all'interno di questa barca e la sua età sembrava all’incirca di venti anni. Era circa cinque shaku (1,50 m) di altezza e la sua pelle era bianca come la neve. I lunghi vividi capelli erano raccolti sulla schiena. I lineamenti del suoi viso erano incomparabilmente belli. I suoi vestiti erano strani e irriconoscibili, e la sua lingua non fu capita da nessuno. Teneva una piccola scatola in mano, e a chiunque vietava di avvicinarsi a questa scatola.
In questa barca, vi erano due pezzi di una sorta di tappeto. Erano molto morbidi e di tipo sconosciuto. Vi era una specie di torta e un alimento di farina. Vi era anche una specie di carne. Vi era una tazza e il suo design era molto bello, anche se nessuno l’ha riconosciuto.
"Haratono-hama" è un territorio del signore di Ogasawara-Izumi.

Folklore di Utsuro-fune o Utsubo-fune
Figura 4
Quando leggiamo le storie di sopra e vediamo le illustrazioni, come mostrato nelle figure 2 e 3, ci si può chiedere se queste storie siano basate su un fatto vero. In realtà, persone che sono interessate agli UFO in tutto il mondo, così come in Giappone, considerano le storie e le illustrazioni le registrazioni di un incontro ravvicinato del terzo tipo, che nella realtà si è verificato nel 1803 in Giappone (Mori 1987; Natsis e Potter 1985; Takahashi 1996; Furukawa 1996).
Tuttavia, le persone che hanno una certa conoscenza del folclore giapponese hanno notato che entrambe le storie sono simili al folklore giapponese di Utsuro-fune o Utsubo-fune (Ishigami 1992). Questo folclore è stato tramandato in molte aree del paese, in particolare nella parte occidentale del Giappone. Folklore e miti simili si possono trovare in tutto il mondo, come nel racconto di Noè (Nagadome 1997). È possibile che l'origine di questo folclore possa essere ricondotta alla memoria ancestrale nazionale dell’immigrazione giapponese. Nei tempi antichi, le persone immigrate nelle isole giapponesi da molte parti dell'Asia, utilizzavano mezzi semplici. Dopo l'arrivo nelle isole giapponesi, alcune famiglie dominanti in Giappone crearono il folklore sulla base della memoria e del mito nazionale, al fine di rafforzare la legittimità politica del loro governo. La storia tipica del folklore è che un antenato della famiglia dosse stata una nobildonna straniera che ha attraversato il mare con una barca (Yanagida 1962). Nel folkiore, una canoa o una piccola imbarcazione veniva chiamata Utsuro-fune o Uts Ubo-fune. Utsuro in giapponese significa "vuoto" o "cavo". Utsubo è una sorta di borsa vuota, che veniva utilizzata dai Samurai del Giappone antico per portare le frecce. Entrambi i termini sono stati spesso usati per descrivere una cavità in un vecchio albero sacro, in alcuni miti giapponesi (Ishigami 1992). Dal momento che fune significa "nave" o "barca", Utsuro-fune e Utsubo-fune hanno lo stesso significato, cioè "barca vuota" (nave). E' evidente che queste parole sono basate sulla struttura delle piroghe utilizzate nei tempi antichi.
Yanagida Kunio (1875-1962), che fu il più grande folkiorista del Giappone, ha pubblicato un documento intitolato "La Storia di Utsubo-fune" nel 1925 (Yanagida 1962). Era così famoso come folklorista, che le sue opere complete si possono trovare in quasi tutte le università e biblioteche pubbliche del Giappone. Nel suo articolo, ha illustrato molto il folklore sulle Utsubo-fune. Per esempio, presenta una tipica storia di folklore, in cui si afferma l'origine della famiglia Kawano, nel distretto di Iyo (attuale prefettura di Ehime) nel modo seguente:
Una lunga rima fa, un pescatore di nome Wakitaro viveva sull’isola di Gogono e stava lavorando sul mare. Trovò una Urszebo-fune sul mare e la rimorchiò a casa sua. Trovò all'interno di questa barca una ragazza la cui età era di circa dodici o tredici anni. Lei gli disse che era una figlia di un re della Cina. Dal momento che lei venne coinvolto in uno scandalo nella sua patria, fu costretta a prendere il mare con la barca. Il pescatore la chiamò Wake-hime e la prese con sé. Più tardi divenne una principessa di un re nel distretto di Iyo, e diede alla luce Ochimiko, che fu il capostipite della famiglia Kawano.
Nel suo articolo, possiamo trovare un altro folklore interessante, che ci è stato tramandato come canzone nell’Isola di Kyushu. Questa canzone contiene molte frasi simili a quelle della storia Toen Shousetsu "... Una figlia di un uomo nobile ...";"... È stata inviata in mare su una Utsuro-fune a causa del suo scandalo ... ";" ... la barca era fatta di legno di sandalo rosso, ebano e legno cinese ..."; "... il vetro (finestra) era schermato con Chan ...";" ... fu possibile distinguere tra giorno e notte attraverso il vetro (finestra )..."; "... il cibo nella barca era una deliziosa torta ...", ecc.
In alcuni racconti del folklore, la barca è alla fine respinta.
Yanagida Kunio ha fatto riferimento anche alla storia di Toen Shousetsu, e ha concluso nel suo scrito del 1925, la storia è decisamente inventata (Yanagida 1962). Le basi delle sue conclusioni sono le seguenti:
(1) A quanto pare, la storia si basa sul folklore che è stato tramandato in molte parti del Giappone. La gente facilmente crederà a questa storia, perché ho sempre sentito storie simili altrove.
(2) I caratteri trovati all'interno della barca (vedi figura 1) non corrispondono ad alcuna lingua del mondo.
(3) Alla fine della storia, la barca viene respinta in mare, con la donna al suo interno. La storia è stata costruita in modo che nessuno possa verificare successivamente questo episodio.
(4) Le caratteristiche della donna nella barca sono molto simili a quelle di una donna occidentale bianca. A quel tempo, i giapponesi avevano paura dei paesi occidentali come la Russia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti.

Individuazione della località dell’incidente
Le conclusioni di Yanagida sono convincenti. Quando cerchiamo di identificare il luogo esatto dell'incidente in Giappone, le sue conclusioni sono ulteriormente supportate. Per trovare il luogo esatto in cui la barca sia arenò a terra, i seguenti nomi di luogo possono essere utilizzati:
(1) Haratono-[hama.sup.2] in un territorio di Ogasawara Izumi nello stato di Hitachi. (Ume no Chin)
(2) Una spiaggia chiamata Hara-yadori in un territorio di Ogasawara Etchou-no-kami, nello stato di Hitachi con 4.000 koku. Aveva occupato una posizione denominata "Yoriai-seki" dello shogunato Tokagawa. (Toen Shousetsu)
Poiché la parola Hama, in giapponese significa "spiaggia", "Haratono-hama" dovrebbe essere di fronte al mare. La parola yadori significa "soggiornare" o "soggiornare in un rifugio." In un vecchio dizionario geografico (Shitanaka 1983) possiamo trovare un luogo chiamato "Yadori-shima (Isola)", che fu utilizzata come porto. Quindi, "Harayadori" potrebbe anche essere sul mare. Il confine orientale dello stato di Hitachi, che è l’attuale Prefettura di Ibaragi, nell’Honshu, si affaccia direttamente sull'Oceano Pacifico, come mostrato nella figura 4. Alla luce di questa informazione, è ragionevole concludere che "Haratono-hama" o "Hara-yadori" era sulla riva orientale dello stato di Hitachi, nel 1802.
Ora controlliamo i nomi di Ogasawara Izumi o Ogasawara Etchuu-no-kami, il cui territorio comprende l'area in questione. Il nome della famiglia Ogasawara dimostra che era nella Divisione Guardie chiamata "Hatamoto", cioè della famiglia Tokugawa, la famiglia dello Shogun. La storia biografica di "Hatamoto" fu ben registrate in Giappone e i suoi documenti sono stati pubblicati (Ishii e Ogawa, 1989). Il nome di Ogasawara Izumi scritto in Ume no Chin si può trovare in queste registrazioni, ma non aveva territori nello stato di Hitachi. Siamo in grado di trovare il nome di Ogasawara Etchuu-no-kami e scoprire che la sua località era "Yoriai", nello shogunato Tokugawa, con 4500 koku nel 1799, in questa registrazione. Possiamo anche trovare che aveva territori nello stato di Hitachi. Questi documenti sono in accordo anche con la storia di Toen Shousetsu. Così, possiamo concludere che Ogasawara Etchou-no-kami è realmente esistita nel 1803, e aveva territori nello stato di Hitachi.
Ora, identificare le località nei suoi territori nello stato di Hitachi. Il nome del territorio e i nomi dei signori del territorio, nel periodo Tokugawa, sono stati ben registrati nei documenti ufficiali (Kimura, 1980). Siamo in grado di trovare facilmente i suoi tre territori nello stato di Hitachi. Tuttavia, tutti i suoi territori erano interni e non erano sull'Oceano Pacifico. Inoltre, nessun luogo con nomi che ricordano Haratono-hama o Hara-yadori può essere trovato nel suo territorio. Essi non furono trovati nello stato di Hitachi nella documentazione geografica del periodo Tokugawa (Shitanaka 1988), né lo furono nel famoso primo grande dizionario geografico giapponese pubblicato nel 1907 (Yoshida 1992).
Questi fatti suggeriscono che Haratono-hama o Hara-yadori scomparvero dal Giappone prima del 1907, o che non esistettero. I nomi di luogo nel periodo Tokugawa, furono anche registrati in molti documenti in Giappone. Quando il nome della località veniva cambiato, i nomi originali potevano ancora essere rintracciati nei registri (Shitanaka 1988). E' difficile credere che questi nomi di luogo, dove si è verificato un incidente incredibile, siano scomparsi tra il 1803 e il 1907 senza lasciare alcuna traccia neanche nel periodo Tokugawa. L'unica conclusione ragionevole è che questi nomi sono immaginari.
Se assumiamo che la storia è una finzione, ci rendiamo conto che l'autore ha sapientemente mescolato sia immaginario e reale, i nomi delle persone e dei luoghi, per dare credibilità alla storia. Gli investigatori successivi non possono rapidamente o facilmente verificare la storia, grazie ai nomi immaginari. Questo tipo di tecnica è usato spesso nei moderni pesci d'aprile.

Illustrazioni di barche strane
Figura 3

L'ultimo mistero è l'illustrazione delle barche strane. Secondo la teoria di Yanagida (Yanagida 1962), nella versione iniziale del folklore, la barca era un semplice tronco scavato, attualmente utilizzato in Asia meridionale. Tuttavia, col passare del tempo, la gente dimenticò la forma originale della canoa. Per dare credibilità alla storia, la gente aveva migliorato la barca nel racconto folcloristico, perché gli scettici avrebbero sostenuto che sarebbe impossibile viaggiare a lungo sul mare, con una semplice canoa. Così, il tetto (o la copertura con le finestre) venne aggiunta alla semplice canoa. Non è difficile pensare che, col passare del tempo, una canoa semplice divenisse una barca cava con le finestre in vetro e una struttura rinforzata, come mostrato nelle figure 2 e 3.
Non è ragionevole supporre che le barche, come mostrato nelle figure 2 e 3, assomiglino ai moderni UFO. Nelle storie, la barca non vola e nemmeno si muove da solo sul mare. Alcune parti della barca erano rafforzati da piastre di ferro. Questo significa che la maggior parte della barca era di legno. La barca era costruita con la tecnologia inerente all’immaginazione umana di quel periodo.
Alcuni credenti negli UFO, possono affermare che, mentre le storie possono essere finzioni, le illustrazioni delle imbarcazioni possono basarsi su un vero e proprio UFO osservato in Giappone nel periodo Tokugawa. Tuttavia, non possiamo trovare alcuna prova che supporti questa affermazione. Notiamo che le strutture della barca, come mostrato nelle figure 2 e 3, sono coerenti con i dati del folklore - ricordate la frase "... è possibile distinguere tra giorno e notte attraverso il vetro (finestra) ..." in una canzone dell’isola di Kyushu. Applicando il rasoio di Occam, possiamo concludere che la somiglianza tra esse e gli UFO moderni è accidentale (Kamon 1998).

Conclusione
Nessuna documentazioni del misterioso incidente è stata trovata nei documenti ufficiali del Giappone. Lo stato di Hitachi non era lontano dalla capitale Edo (Tokyo) ed era sull'Oceano Pacifico. La spiaggia in questo stato era molto importante per la sicurezza nazionale, nel periodo Tokugawa (1603-1867). Di conseguenza, gran parte del confine orientale dello stato Hitachi, erano occupati dalla famiglia Mito-Tokugawa, che erano parenti della famiglia Tokugawa (Shogun) (Kimura, 1980). Non è realistico credere che un incidente incredibile, che coinvolgeva una barca strana e una donna, su una spiaggia nello stato di Hitachi, non fosse stato registrato in tutti i documenti ufficiali del periodo Tokugawa. [3]
Giappone era chiuso ai paesi stranieri durante il periodo Tokugawa (1603-1867). Dopo il 1800, invece, navi occidentali a volte invasero il Giappone. I giapponesi avevano paura – e anche affascinati - del mondo esterno, in particolare dei paesi occidentali, in quel periodo.
Durante tale situazione di instabilità sociale, le persone di Edo furono interessate a fenomeni paranormali, come fantasmi, mostri, fulmini globulari, ecc., in base alla documentazione di quel momento (NHK Shuzai han-1997). Uno sconosciuto, intelligente scrittore avrebbe potuto utilizzare una donna bianca occidentale nel folklore di Utsuro-fune.
Le intriganti storie scritte nei libri giapponesi pubblicato nel 1825 e nel 1844 sono apparentemente finzioni basate sul folklore giapponese. Le illustrazioni di questi libri sono il risultato di una combinazione di folklore e immaginazione.

Ringraziamenti
Vorrei ringraziare i bibliotecari della Biblioteca della Prefettura Ibaragi di Mito, in Giappone, per le informazioni preziose circa l'incidente e la signora Hisae Nagadome, che è stata direttrice del Museo Storico e del Folklore di Tsusbima, per le informazioni utili riguardanti "Utsurofune". Ringrazio anche il signor Ryutaro Minakami, che è il presidente della rete sulle attività anti-pseudoscientifiche del Giappone, il signor Toshihiro Kimono e il signor Tsugio Satou per il loro incoraggiamento e le discussioni stimolanti.

Note
(1) La parola Koku è una unità di volume di misura della quantità di riso, semi, cioè l'imposta utilizzata sul territorio nel periodo Tokugawa.
(2) In Ume no Chiri, si può trovare "Haratono-Hama" scritto in cinese (ideogrammi) e la lettura al suo fianco scritta con i kana (fonogramma). In Toen Shousetu, "Hara-yadori", si può trovato solo scritto in kana. Due caratteri cinesi di "Haratono" possono essere anche letti come "Hara-yadori" in kana. Pertanto, questi due nomi di luogo può essere considerati indicanti lo stesso nome.
Ad esempio, due baleniere britanniche arrivarono a "Ohtsu-hama", nello stato di Hitachi, nel 1824. Questo incidente può essere trovato nel documento ufficiale dello shogunato Tokugawa (Hayakawa 1902). Naturalmente, "Ohtsu-hama" è il nome di un vero luogo e può essere facilmente trovato in molti documenti. Inoltre, alcuni elementi del folclore di Utsuro-fune sono stati tramandate nello stato di Hitachi (Yanagida 1962), e questo stato era vicino a Edo. Così, era il posto più plausibile per tutti, a Edo.

Riferimenti
Furukawa, Kaoru. 1996. Soratobu Utsuro-fune ( Utsuro-fune volante), Tokyo, Bungei Shunjuu.
Hayakawa, Jyunzaburou. 1902. Tsuu Kou Ichi-Ran (elenchi delle navi che arrivavano in Giappone), vol. 6, Tokyo, Tosho Kankou-kai, pp. 455-464.
Ishigami, Katashi. 1992. Nihon Minzokugo Jiten Dai (Grande Dizionario del Folklore del Giappone). Tokyo: Oufuu-Sha, pp. 164-465.
Ishii, Ryousuke e Kyouichi Ogawa. 1989. Edo Bakuhu Hatamo Jinmei (Dizionario Biografico degli Hatamoto nello Shugunato Tokugawa), vol. 1, Tokyo, Hara Shobou p. 368.
Kamon, Shouichi. 1998. Edo-Jidai Hitachi no kuni ni hyouchaku shita UFO?, Journal of the Japan Skeptics 39-46.
Kimura, Motoi. 1980. Kyuu Taka Kyuu Ryoushu Torishirabe-chou: Kantou District, Tokyo, Kondou-shuppan Sha, p. 429.
Matsuura, Hideaki. 1998. Utsuro-fune. Tokyo, Sonorama Bunko.
Mitsuse, Ryuu. 1976. Sora no Utsuro-bune Imiki, Rekishi Dokuhon Vol. 21, No. 13, Tokyo, Shin Jinbutsu Ourai Sha, pp. 42-57.
Mori, Massaru. 1987. The female alien in a hollow vessel. Fortean Times 48:48-50.
Nagadome, Hisae. 1997. Kaijin Tachi n. Sokuseki (Orme del Popolo del Mare), Tokyo Hakusui-sha, pp. 185-188.
Natsis, Carol e M. Potter. 1995. Washed ashore. Readers Digest Almanac of the Uncanny: Stories of the Supernatural Through the Centuries. Australia, Readers Digest.
NHK Shuzai-han. 1997. Dou-dou Nihon-shi (Grande Storia del Giappone), vol. 1, Nagoya, KTC Chuou-shuppan, pp.203-251.
Nihon Zuihitsu Taisei Henshu-bu. 1994. Nohon Zuihitsu Taise: La seconda serie (La collezione completa di vecchi saggi giapponesi), vol. 1. Tokyo: Yoshikawa Koubun-Kan, pp. 377-378.
Nihon Zuihitsu Taisei Henshu-bu. 1994. Nohon Zuihitsu Taise: La seconda serie (La collezione completa di vecchi saggi giapponesi), vol. 2. Tokyo: Yoshikawa Koubun-Kan, pp. 279-281.
Shibusawa, Tatsuhiko. 1991. Shibusawa Tatsuhiko Kidan-Shun II (Raccolta delle Intriganti Storie di Shibusawa Tatsuhiko) vol. 2, Tokyo, Nihon Bungei-Sha, p. 285.
Shitanaka, Naoya. 1983. Nihon Rekishi Chimei Tankei: Mie-ken n. Chimei (Dizionario Geografico della storia giapponese: Prefettura di Mei), vol. 24. 24. Tokyo, Heibon-Sha, p. 633.
Shitanaka, Naoya. 1988. Nihon Rekishi Chimei Tankei: Ibaragi-ken n. Chimei (Dizionario Geografico della storia giapponese: Prefettura di Ibaragi), vol. 8. Tokyo, Heibon-sha.
Takahashi, Katsuhiko. 1996. Tasogare Kidan (Intriganti Storie al tempo di Twilight), Tokyo, Mainichi Shinbun-Sha, pp. 105-107.
Yanagida, Kunio. 1962. Teihan: Yanagida Kunio Shuu (Opere Complete di Yanagida Kunio), vol. 9, Tokyo, Chikuma-Shobou, pp. 169-187.
Yoshida, Tougo. 1992. Dai-Nihon Chimei-Jiten (Grande Dizionario Geografico del Giappone), vol. 1, Tokyo, Toyama-Shobou.

Articoli